Prysmian in Italia al servizio della cultura a Milano

Il Gruppo sostiene Il Museo delle Scienze di Milano per l'ampliamento dei suoi spazi con i cavi Afumex ed Amico

Milano   -   25 Mar 2016

Prysmian in Italia al servizio della cultura a Milano

Il Gruppo sostiene Il Museo delle Scienze di Milano per l’ampliamento dei suoi spazi

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano ha inaugurato una nuova ala, le Cavallerizze, risultato di un importante intervento di recupero architettonico e riqualificazione urbanistica. Prysmian Group, sponsor dell’iniziativa, ha fornito cavi in fibra ottica e cavi bassa tensione appartenenti alle gamme AfumexTM e AmicoTM.

“Per noi è un grande onore essere partner del Museo dedicato alle scienze più grande d’Italia e tra i più importanti al mondo - ha affermato Lorenzo Caruso, Marketing and Business Communications Director . Si tratta di una partnership di eccellenza, che unisce due realtà importanti della città di Milano: il Museo, noto a tutti anche perché ospita il sommergibile Toti, e la nostra azienda, realtà manifatturiera nata, cresciuta e radicata sul territorio.”

Tra i prodotti forniti al Museo, una quota elevata è rappresentata dai cavi Afumex 1000 AmicoTM; si tratta di cavi per la trasmissione di energia contraddistinti da strisce di colore sulle guaine, che consentono, al momento dell’installazione, di selezionare con semplicità il cavo da usare, identificarne velocemente la sezione e di lavorare in modo ordinato e pulito nei quadri elettrici.

Anche i cavi in fibra ottica donati al Museo sono a tecnologia LSZH (Low Smoke Zero Halogen). Il rivestimento protettivo di questi cavi è composto da mescole termoplastiche o termoindurenti con bassissime emissioni di fumi e zero alogeni in caso di esposizione a sorgenti di calore/fiamma.

Le Cavallerizze sono strutture storiche incluse nel complesso museale, costruite attorno alla metà del XIX secolo quando l’edificio monumentale del Museo, un ex monastero Olivetano, era adibito a caserma militare. I bombardamenti del 1943 distrussero parte dell’edificio monumentale, rasero al suolo la Cavallerizza meridionale e abbatterono due campate di quella settentrionale, oggetto di intervento. Quando gli edifici furono ristrutturati per ospitare il Museo, i due edifici delle Cavallerizze furono utilizzati come depositi.

L’edificio ristrutturato è destinato a diventare una delle icone del Museo e di Milano e ospiterà grandi mostre, installazioni ed eventi.