Twitter Facebook Linkedin Youtube
Prysmian Group Italia

Italia

Prysmian group - logo

Prysmian - Draka - logo


Resistenza al fuoco

Resistenza al fuoco

Cosa si intende con i termini “resistenza al fuoco”?

La Resistenza al fuoco indica la capacità di uno o più prodotti di mantenersi operativo anche se direttamente esposti al fuoco; si misura
in base alla quantità di tempo (minuti) durante il quale un prodotto continua a funzionare in presenza di incendio.

La resistenza al fuoco può essere determinata dalla corretta scelta ed applicazione dei materiali da costruzione.

In particolare, la resistenza al fuoco (di un cavo) è il termine utilizzato per definire il periodo di tempo durante il quale un cavo continua ad operare in presenza di incendio.
Questo aspetto è di primaria importanza, per esempio, per gli impianti di illuminazione di emergenza ed antincendio.

Per i cavi, la resistenza al fuoco consiste nella capacità di: 

  • continuare a funzionare durante l’incendio;
  • garantire una durata minima prestabilita di funzionamento;
  • la famiglia di cavi con questi requisiti prende il nome di: cavi Fire Resistant. 

Le prestazioni di resistenza al fuoco dei cavi sono definite dalla normativa in termini di tempo di sopravvivenza: i tempi di riferimento sono 15, 30, 60, 90 e 120 minuti, durante i quali il cavo deve mantenersi operativo, pur essendo a contatto diretto e continuo con la fiamma.

La resistenza al fuoco delle strutture è – normalmente - regolamentata dalle autorità nazionali.

Il cavo resistente al fuoco prodotto da Prysmian Italia, rispondente alla Normativa Italiana, prende il nome di:

 

FTG10 (O) M1 0,6/1 Kv

Caratteristiche del cavo:

  • Temperatura di funzionamento: 90°C
  • Temperatura di cortocircuito: 250°C
  • Senza piombo
  • Flessibile 

Per scaricare la scheda tecnica clicca qui